La poesia è il salvagente cui mi aggrappo
quando tutto sembra svanire.
Quando il mio cuore gronda
per lo strazio delle parole che feriscono,
dei silenzi che trascinano verso il precipizio.
Quando sono diventato così impenetrabile
che neanche l'aria riesce a passare.

Kahlil Gibran

Va...



Va e viene,
entra ed esce
dal mio cuore,
come un passante distratto;
a volte mi sorride…

Poi,
torna ad andare…
Neanche lo sa
che può far male.

Va e viene,
torna a carezzarmi
coi suoi occhi
E quando si ferma
dentro al cuore
non ci sono catenacci,
che possono proteggermi.

***

Marinetta – 2002


Nessun commento:

Posta un commento